3 minutes reading time (586 words)

La casa a Nazaret è il luogo dell'incontro e della vita ordinaria della famiglia _ Vangelo del giorno.

30 dicembre_ Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe

Oggi, il Vangelo del giorno,  ci  dice che la vita della famiglia di Nazaret si svolge tutta sotto lo sguardo paterno di Dio e in armonia con le sue proposte.

«Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?».

I genitori di Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio, e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme. Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l'udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro. Scese dunque con loro e venne a Nàzaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore. E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini.Lc 2,41-52


Commento al Vangelo

​Il Vangelo ci invita a riflettere sull'esperienza vissuta da Maria, Giuseppe e Gesù, mentre crescono insieme nell'amore reciproco e nella fiducia in Dio. Il Vangelo, infatti, ci presenta quella di Nazaret come una famiglia umanamente provata, fin dal suo nascere. C'è qualcosa però che, in tutto questo travaglio vissuto dalla Santa Famiglia, non è mai venuto meno: il riferimento a Dio e al suo progetto. I Vangeli parlano di "sogni" che precedono e accompagnano le grandi decisioni e guidano i vari spostamenti della famiglia di Nazaret. È un modo per affermare che la vita della famiglia di Nazaret si svolge tutta sotto lo sguardo paterno di Dio e in armonia con le sue proposte. Anche in un momento drammatico e angosciante per Maria e Giuseppe quale lo smarrimento del loro figlio è la capacità di stupirsi di fronte alla progressiva manifestazione di Gesù: , restarono stupiti. Sapersi stupire e meravigliare è il contrario del dare tutto per scontato, è il contrario del leggere tutto secondo i propri criteri, è aprirsi alla comprensione dell'altro, tanto nei confronti di Dio quanto del prossimo. Dopo il dialogo tra Gesù e i suoi genitori, il cammino della famiglia di Nazaret riprende verso un altro santuario: la casa di Nazaret. Pellegrinaggio non è solo quello che da Nazaret ha portato la Santa Famiglia al Tempio di Gerusalemme. Pellegrinaggio è anche quello che i tre compiono per tornare alla loro casa, a Nazaret. Anche la loro casa è un tempio. Infatti, mentre il Tempio di Gerusalemme è il luogo dell'incontro della famiglia con Dio, la casa a Nazaret è il luogo dell'incontro e della vita ordinaria della famiglia, vissuto nella reciprocità. Una santità, quindi, quella della Santa Famiglia, vissuta nella normalità del quotidiano e, proprio per questo, un modello concreto al quale le nostre famiglie possono guardare, con speranza e fiducia.

 Non hai letto la meditazione del vangelo di ieri? clicca qui

Gesù è divenuta Parola fatta carne _ Vangelo del g...
La speranza in Dio non delude mai _ Vangelo del gi...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Giovedì, 17 Gennaio 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Immagine Captcha

Inscriviti al blog

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy. Leggi la cookie policy