2 minutes reading time (383 words)

​Gesù chiede di non cedere alla logica del mondo_ Vangelo del giorno.

23 febbraio_ San Policarpo

Oggi, il Vangelo del giorno,  ci  dice che dobbiamo ascoltare Lui, non le nostre paure.

«Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!».

​ In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elìa con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elìa». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro. Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell'uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti. E lo interrogavano: «Perché gli scribi dicono che prima deve venire Elìa?». Egli rispose loro: «Sì, prima viene Elìa e ristabilisce ogni cosa; ma, come sta scritto del Figlio dell'uomo? Che deve soffrire molto ed essere disprezzato. Io però vi dico che Elìa è già venuto e gli hanno fatto quello che hanno voluto, come sta scritto di lui». Mc 9,2-13

Commento al Vangelo

Gesù chiede di non cedere alla logica del mondo, come fa Pietro, pensando di consigliare a Gesù come muoversi. Anche a noi l'idea di amare rischiando di morire di donare la nostra vita spaventa, ci sembra una logica folle. Il Signore porta i discepoli sul Tabor per vedere la bellezza di Dio. Non possiamo affrontare il Golgota se non speriamo di vedere la bellezza luminosa del Signore. qui invece la rivelazione è anche per i tre discepoli. E l'invito è quello decisivo anche per noi: occorre ascoltare Lui. Ascoltare Lui, non le nostre paure, non i nostri desideri, non le nostre immagini e proiezioni su Dio. 

 Non hai letto la meditazione del vangelo di ieri? clicca qui

L'unica strada e trovare qualcuno che ci accolga e...
Chi dite che io sia?_ Vangelo del giorno.

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 15 Ottobre 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Immagine Captcha

Inscriviti al blog

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie policy. Leggi la cookie policy